BORGOGNA 2015

Tasted February 22, 2015 - March 22, 2015 by galenico with 1,151 views

Introduction

Viaggio intensissimo di 4 giorni per gli assaggi dei 2013

Flight 1 - PERROT-MINOT (6 notes)

Forse la più grande sorpresa del viaggio. Vini incredibili, composti, sottili, eleganti e molto fedeli al terroir.
Grande, grande, grande produttore

Red
2013 Domaine Perrot-Minot Vosne-Romanée Les Champs Perdrix France, Burgundy, Côte de Nuits, Vosne-Romanée
Tasting at the domaine. 20% legno nuovo. 100% diraspato.
Medio corpo, tanta acidità, beva sottile con finale amarognolo e mineralità sensibile.
Incentrato più su toni vegetali che sul frutto.
Fresco e beverino
Red
2013 Domaine Perrot-Minot Chambolle-Musigny France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny
91 points
Tasting at the domaine. 100% diraspato. ( Combe d' Orveau + La Bussiere)
Vino sottile e balsamico. Molto elegante e fine. Mineralità e tannino al sale.
Davvero buonissimo e gustoso.
Un grande village
Red
2013 Domaine Perrot-Minot Chambolle-Musigny 1er Cru La Combe d'Orveau Cuvée Ultra Vieilles Vignes France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny 1er Cru
92 points
Tasting at the Domaine. 0% diraspato
Naso più fruttato, morbido e sferico. Bocca più matura, più adulta e giù equilibrata. Tannino dei vinaccioli e parte vegetali dei raspi in evidenza.
Molto buono e gustoso, masticabile e corposo, con grande sapidità e legno ancora sensibile.
92-93
Red
2013 Domaine Perrot-Minot Nuits St. Georges 1er Cru La Richemone Vignes Centenaires France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
89 points
Tasting at the domaine. Vigne del 1902. 0% diraspato.
Più scuro e più cupo anche nel colore. Sensazione di essere più indietro rispetto agli altri. Meno elegante e più aspro. Un vero Nuits St Georges incazzato e mascolino. Legno più sensibile e disidratante.
Necessita di maggiore affinamento rispetto agli altri
Red
2013 Domaine Perrot-Minot Chambertin-Clos de Bèze France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambertin-Clos de Bèze Grand Cru
95 points
Tasting at the domaine. 0% diraspato.
Naso più avvolgente, più ampio, più complesso, tanti fiori e etereità balsamica.
In bocca è arioso, sottile ma allo stesso tempo foderante e intenso.
Grandissima mineralità calcarea e tannino dei raspi incisivo ma già smussato e gustosissimo.
Finale ancora un pò austero, ma è già un vino incredibile.
Se lo Chambertin è più voluminoso, mascolino e tannico; il Clos de Bèze è più intellettuale nella sua potenza discreta e più complesso di aromi.
Uno dei migliori assaggi del 2013.
95-96
Red
2013 Domaine Perrot-Minot Chambertin France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambertin Grand Cru
Tasting at the domaine. 0% diraspato. Mancavano 3 mesi di barrique all' imbottigliamento e il residuo di gas era ancora sensibile.
Naso più esotico, orange zest, liquore di lamponi.
Bocca molto ampia, voluminosa, più tannica del Clos de Bèze e più mascolina, come è giusto che sia!
Nonostante tutto era già molto bevibile, comunicativo e facile. Molto promettente e davvero esplicativo della vigna.
93-95

Flight 2 - JACQUES PRIEUR (7 notes)

Vini tecnologici, pasticciati, poco a fuoco. Tanto legno e sensazione di un produttore che non sa bene cosa fare con le vigne straordinarie che ha in mano.
Grande delusione

Red
2013 Domaine Jacques Prieur Corton-Bressandes France, Burgundy, Côte de Beaune, Corton Grand Cru
Barrel tasting. Acidità tesa, tannino fitto e sapido. Frutto scuro. Uno dei migliori assaggi da Prieur. Già buono e pulito.
Red
2012 Domaine Jacques Prieur Corton-Bressandes France, Burgundy, Côte de Beaune, Corton Grand Cru
90 points
Rispetto a tutti gli altri assaggi del 2012 ha un colore più tenue, al naso è più dolciastro e più pulito.
Bocca di medio corpo, armonica e rotonda con ancora residui lattici e fermentativi.
Tannino granulare, ma molto gustoso.
Legno asciugante in chiusura, ma è un vino quadrato, solido che non nasconde una vena di leggiadria.
Il migliore assaggio da Prieur.
Red
2012 Domaine Jacques Prieur Beaune 1er Cru Clos de la Féguine France, Burgundy, Côte de Beaune, Beaune 1er Cru
83 points
Tasting at the domaine. Naso ridotto, sembra uno zolfanello. Amarissimo, tannino disidratante del legno.
Non c' è traccia di finezza nè di aromi.
Red
2012 Domaine Jacques Prieur Clos Vougeot France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos Vougeot Grand Cru
87 points
Naso chiusissimo.
Bocca molto masticabile e voluminosa, di grande persistenza tannica.
Ha una buona freschezza, ma manca la mineralità calcarea di cui la parte piatta in basso della vigna è priva.
White
2012 Domaine Jacques Prieur Meursault Clos de Mazeray France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault
88 points
Tasting at the domaine. Burro di arachidi e frutta gialla. Burroso senza essere grasso, pieno e caloroso. Foderante, ma secco.
Buona bevuta facile.
Ancora troppa riduzione e residui di anidride carbonica.
White
2012 Domaine Jacques Prieur Beaune 1er Cru Les Champs Pimont Blanc France, Burgundy, Côte de Beaune, Beaune 1er Cru
86 points
Tasting at the domaine. Terroir gessoso.
Stuoie secche, mandorle amare e legno secco.
Bocca rotonda e bevuta facile, ma flaccida, manca di allungo, freschezza e complessità.
White
2012 Domaine Jacques Prieur Puligny-Montrachet 1er Cru Les Combettes France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
82 points
Tasting at the domaine. Naso molto chiuso, e poco a fuoco.
Bocca magra, diluita e fiacca. Molta sensazione di legno per un vino sterilizzato dalla solforosa che manca di aromi e personalità.
Grande delusione

Flight 3 - DE MONTILLE (11 notes)

Grandi assaggi dalla botte dei 2013. Vini molto puliti e poco legnosi.
Al contrario gli assaggi da bottiglia, mancano dell' eleganza e della pulizia che si si aspetterebbe.
Probabilmente i tappi DIAM non lavorano come sperato.

Red
2013 Domaine de Montille Beaune 1er Cru Grèves France, Burgundy, Côte de Beaune, Beaune 1er Cru
Barrel Tasting at the domaine. 100% diraspato.
Frutto giovane rosso e vegetalità da raspi. Tannino ruvido e ancora da smussare. Molto lungo e persistente.
Red
2013 Domaine de Montille Volnay 1er Cru Les Mitans France, Burgundy, Côte de Beaune, Volnay 1er Cru
90 points
Barrel Tasting at the domaine. 0% diraspato.
Fiori macerati, molto aereo e lieve vegetalità da raspi.
Bocca sugosa e lieve, tannino rifinito che completa la rotondità del sorso.
Già buono. 90-91
Red
2013 Domaine de Montille Volnay 1er Cru Taillepieds France, Burgundy, Côte de Beaune, Volnay 1er Cru
Barrel Tasting at the domaine. 25% diraspato.
Più chiuso e più restio. Molto meno profumato del Mitans.
Bocca più voluminosa e molto indietro. Tannino vivo, gessoso e foderante.
Finale dolciastro alla cola.
Vino da attendere con fiducia.
Red
2013 Domaine de Montille Pommard 1er Cru Rugiens-Bas France, Burgundy, Côte de Beaune, Pommard 1er Cru
Barrel Tasting at the domaine. 100% diraspato.
Molto frutto scuro, plastico, rotondo e materico.
Ferroso e tannico, ma l' impronta è più moderna e internazionale e pregiudica in parte la particolarità del terroir.
Red
2013 Domaine de Montille Corton-Clos du Roi France, Burgundy, Côte de Beaune, Corton Grand Cru
91 points
Barrel Tasting at the domaine. 25% diraspato.
Pellame, terra e tonalità più scura. Nonostante la grande materia, il vino è di medio corpo e per nulla pesante. Pulsante, affilato, molto minerale e salino.
Simile al Taillepieds come volume del sorso, ma ancora più persistente.
Molto buono e gustoso. 91-93
Red
2013 Domaine de Montille Clos Vougeot France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos Vougeot Grand Cru
Barrel Tasting at the domaine. 25% diraspato. 50% legno nuovo.
Rispetto all' idea classica dei Clos Vougeot è molto floreale, di medio corpo, poca macerazione con beva scorrevole e quasi sottile, nonostante la grande materia.
Tannino importante e foderante, molto masticabile.
Red
2013 Domaine de Montille Vosne-Romanée 1er Cru Aux Malconsorts France, Burgundy, Côte de Nuits, Vosne-Romanée 1er Cru
Barrel Tasting at the domaine. Sensazione di enorme cilindrata. Il frutto è più dolciastro, ma è il più indietro di tutta la batteria. Molto compresso e contratto.
Tannino grosso, foderante, ma molto puro.
Grande potenziale inespresso. Da attendere molti anni.
Red
2013 Domaine de Montille Vosne-Romanée 1er Cru Aux Malconsorts Christiane France, Burgundy, Côte de Nuits, Vosne-Romanée 1er Cru
93 points
Barrel Tasting at the domaine. Molto diverso dal Malconsorts. Più femminile, più soave, più sexy, profumatissimo.
Grande tannino, ma il sorso è più gentile e vellutato
Un confetto incantato. Vino ammaliante.
93-95
White
2009 Domaine de Montille Puligny-Montrachet 1er Cru Le Cailleret France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
90 points
Tasting at the domaine. Molto aperto e comunicativo, caloroso figlio dell' annata 2009. Champignons, conchiglie sbriciolate, timo, salvia e mandorle amare.
In bocca il profilo aromatico floreale è sterilizzato dall' eccessiva solforosa e la mancanza di acidità pregiudica la dinamica verticale e lo rende un pò molle.
Il finale salino è la parte migliore.
Red
2011 Domaine de Montille Corton-Clos du Roi France, Burgundy, Côte de Beaune, Corton Grand Cru
88 points
Tasting at the domaine. 0% diraspato. 100% legno nuovo.
Naso di fiori e frutta macerati, quasi surmaturi.
Non c' è per ora corrispondenza gusto-olfattiva perchè il sorso è prevale la tonalità vegetale e il tannino immaturo e asciugante.
Vino scomposto e difficile ancora da amalgamare.
Necessita di molto anni di attesa
Red
2008 Domaine de Montille Clos Vougeot France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos Vougeot Grand Cru
88 points
Tasting at the domaine. Molto strano per essere un 2008. La tonalità è lieve come il corpo. Ciliegie macerate, sanguigno e surmaturo.
Tannino troppo asciugante che fodera tutto.
Vino difficile che ha bisogno di cibo

Flight 4 - JACQUES-FREDERIC MUGNIER (8 notes)

Personaggio emozionante Fréderic Mugnier, come i vini che raccontano di lui e ne rappresentano la personalità essenziale, pragmatica e taciturna.
Grandi assaggi, tra i migliori del viaggio. Incredibile l' assenza del legno e la precisione della vinificazione.
Vini da attendere e gustare nei decenni.

Red
2013 Jacques-Frédéric Mugnier Chambolle-Musigny France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny
barrel tasting at the domaine. Molto vegetale, pulitissimo e fresco.
Tannino ancora acerbo, ma molto puro.
Red
2013 Jacques-Frédéric Mugnier Chambolle-Musigny 1er Cru Les Fuées France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny 1er Cru
91 points
Barrel Tasting at the domaine. Floreale, molto femminile per essere un Fuées.
Fine ed equilibratissimo. Grande persistenza e tannino levigato.
Buono. 91-92
Red
2013 Jacques-Frédéric Mugnier Nuits St. Georges 1er Cru Clos de la Maréchale France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
91 points
Barrel Tasting at the domaine. Molto fruttato, more, marasche e aromi concentrati. Legno dolce ancora sensibile.
In bocca ha una bella acidità controllata, è morbido, vellutato e più ampio rispetto ai vini di Chambolle. Tannino sabbioso coprente, ma elegantissimo.
Buono.
Red
2013 Jacques-Frédéric Mugnier Bonnes Mares France, Burgundy, Côte de Nuits, Bonnes Mares Grand Cru
93 points
Barrel Tasting at the domaine. Florealità entusiasmante. Più materia incapsulata nel nucleo. Polposo e carnoso, ma freschissimo al tempo stesso.
Maggiore cilindrata, acidità e mineralità. Tannino di seta.
Vino pazzesco. 93-95
Red
2013 Jacques-Frédéric Mugnier Chambolle-Musigny 1er Cru Les Amoureuses France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny 1er Cru
92 points
Barrel Tasting at the domaine. Frutto dolce e più rosso, giustamente più grazioso e femminile. Controparte mentolata freschissima.
Bocca più sottile rispetto al Bonnes Mares, molto floreale, delicatissimo e sensuale.
Tannino, fitto e mineralità chiara. Finale al borotalco.
Bellissimo. 92-94
Red
2013 Jacques-Frédéric Mugnier Musigny France, Burgundy, Côte de Nuits, Musigny Grand Cru
94 points
Barrel Tasting at the domaine. Meno corpo rispetto al Bonnes Mares, ma più ampio nei profumi, più aereo.
Acidità , spina minerale e tante spezie amare. Setosità regale.
Vino pazzesco. 94-96
Red
2009 Jacques-Frédéric Mugnier Chambolle-Musigny France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny
Tasting at the domaine. Naso ridotto, non pulito, fatica ad aprirsi. Necessario decanter.
Bocca eterea, sul registro amaro e con acidità spiccata, molto insolito per un 2009. Tannino ancora graffiante.
Da attendere alcuni anni
Red
2006 Jacques-Frédéric Mugnier Bonnes Mares France, Burgundy, Côte de Nuits, Bonnes Mares Grand Cru
93 points
Tasting at the domaine.
Frutto surmaturo, sensazione di macerazione prolungata. Enorme cilindrata e ampiezza.
Bocca equilibratissima piuttosto "sauvage" con tannino ancora serrato, ma mai fastidioso, ricorda un grande Barolo.
Persistenza imbarazzante.
Grande vino. Grazie Frédy! :D

Flight 5 - DE L' ARLOT (8 notes)

Vini travasati da una settimana. La sensazione di legno era ancora eccessiva e pregiudicava in parte le differenze tra i vari terroir.
Nonostante questo, assaggi molto piacevoli e domaine da tenere d' occhio in quanto dal 2014 avrà una nuova direttrice.
Molto buoni i bianchi

Red
2013 Domaine de L'Arlot Côte de Nuits Villages Clos du Chapeau France, Burgundy, Côte de Nuits, Côte de Nuits Villages
Tasting at the domaine. Molto aperto, comunicativo e floreale.
Facile da bere entro 2-3 anni.
Red
2013 Domaine de L'Arlot Nuits St. Georges Le Petit Arlot France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges
Tasting at the domaine. Voluminoso,scuro, indietro nella maturazione e ancora molto legnoso.
Red
2013 Domaine de L'Arlot Nuits St. Georges 1er Cru Cuvée Les Petits Plets France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
Tasting at the domaine. Molto speziato e fruttato, grande ampiezza e volume.
Sferico, persistente e poco legnoso.
Uno dei migliori
Red
2013 Domaine de L'Arlot Nuits St. Georges 1er Cru Clos des Forêts St. Georges France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
Tasting at the domaine. Il più grosso, tannico e ampio del gruppo. Tanto legno dolce supportato da un frutto succoso e cristallino.
Red
2013 Domaine de L'Arlot Vosne-Romanée 1er Cru Les Suchots France, Burgundy, Côte de Nuits, Vosne-Romanée 1er Cru
Tasting at the domaine. Ogni sensazione è amplificata rispetto agli altri assaggi. Più legno, più profumi, più raspi.
Sorso molto pulito e vellutato, ma ancora troppo legnoso
Red
2005 Domaine de L'Arlot Nuits St. Georges 1er Cru Clos de l'Arlot France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
Tasting at the domaine. Liquore ai lamponi, sensazione glicerica e zuccherata. Un naso ovattato e impomatato.
Bocca più sottile e ancora molto primaria. Equilibrio estremo giocato su acidità e tannino.
Attendere ancora qualche anno.
White
2013 Domaine de L'Arlot Nuits St. Georges Cuvée La Gerbotte France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges
91 points
Tasting at the domaine. Lieviti da champagne. Dolcezza e acidità dialogano in un fraseggio molto esotico e vellutato.
Molto buono e facile. Da bere giovane per gustare gli aromi
White
2013 Domaine de L'Arlot Nuits St. Georges 1er Cru Clos de l'Arlot Blanc France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
91 points
Tasting at the domaine. L' opposto della Gerbotte. Fiori bianchi, agrumi e grande vibrazione minerale. Vino teso e cristallino.
Buono e longevo.

Flight 6 - DUJAC (13 notes)

Tantissimi assaggi, una mini-orizzontale di 2006 e un Clos de la Roche 1996, da lasciare senza parole.
Forse il produttore in cui la differenza dei terroir è venuta più alla luce.
Emozionante

Red
2013 Dujac Fils et Père Morey St. Denis France, Burgundy, Côte de Nuits, Morey St. Denis
89 points
Tasting at the domaine. Vegetale e balsamico, molto netto e complesso per essere un village di négoce. Tannino infiltrante e cesellato. Magro, ma molto succoso, semplice, beverino e molto piacevole.
Red
2013 Domaine Dujac Morey St. Denis France, Burgundy, Côte de Nuits, Morey St. Denis
88 points
Tasting at the domaine. Rispetto al Morey Fils & Père è più caldo, più rotondo, più fruttato, più tannico e più lungo.
Ovviamente anche molto più indietro!!
Red
2013 Domaine Dujac Gevrey-Chambertin 1er Cru Aux Combottes France, Burgundy, Côte de Nuits, Gevrey-Chambertin 1er Cru
91 points
Sferico, glicerico e molto più floreale rispetto ai due village.
Bella materia cerosa in cui il legno è più sensibile, più dolce e meno minerale.
Buono
Red
2013 Domaine Dujac Clos St. Denis France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos St. Denis Grand Cru
94 points
Tasting at the domaine. Succo di lamponi ed etereità vegetale. Naso erotico e grondante, stupendo!
In bocca è un classico Clos St. Denis sferico, avvolgente e vellutato.
Lunghezza eterna e tannino sapido.
Grande vino
Red
2013 Domaine Dujac Clos de la Roche France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos de la Roche Grand Cru
95 points
Tasting at the domaine. Molto etero e infiltrante, giocato sui fiori e le erbe amare.
In bocca è spudorato, profumatissimo, e ficcante.
Manca di sottiliezza, è un vino spudoprato, strillato e molto aperto per essere un giovane Clos de la Roche.
Si sente ancora il 90% di legno nuovo, ma è un vino veramente pazzesco.
95-96
Red
2013 Domaine Dujac Vosne-Romanée 1er Cru Aux Malconsorts France, Burgundy, Côte de Nuits, Vosne-Romanée 1er Cru
91 points
Tasting at the domaine. Fiori macerati, molto netto e dritto. Legno di sandalo dolce e cera di candela.
Medio corpo rispetto ai grand cru, sembra più diluito.
Legno e tannino sono ancora molto presenti. Come si addice al Malconsort è un vino austero, molto indietro e poco concessivo in bocca nei primi anni di vita.
91-93
Red
2013 Domaine Dujac Echezeaux France, Burgundy, Côte de Nuits, Echezeaux Grand Cru
92 points
Tasting at the domaine. Medio corpo, rispetto agli altri grand cru, simile al Malconsort ma molto più profumato, aperto, femminile.
Grande bevibilità e acidità appagante.
Buono
Red
2006 Domaine Dujac Vosne-Romanée 1er Cru Aux Malconsorts France, Burgundy, Côte de Nuits, Vosne-Romanée 1er Cru
92 points
Tasting at the domaine. Gomma bruciata, peperoni arrosto ed erbe aromatiche. Naso maturo e tanto spazio alla terziarizzazione dei raspi.
Bocca soave e morbida, medio corpo sostenuto dalla grana tannica.
1 person found this helpful Comments (2)
Red
2006 Domaine Dujac Echezeaux France, Burgundy, Côte de Nuits, Echezeaux Grand Cru
92 points
Tasting at the domaine. Fiori e frutti, un pò cotti e un pò macerati. Poi la parte amara della buccia delle verdure arrostite.
Bocca simile al Malconsort, come nel 2013, ma più acida, più fresca e vanigliata.
Red
2006 Domaine Dujac Clos St. Denis France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos St. Denis Grand Cru
91 points
Simile al registro degli altri 2006, ma la parte vegetale dei raspi dona balsamicità, freschezza e giovinezza ancora superiori.
Ancora molto primario e da attendere. Uno spreco ora.
91-94
2 people found this helpful Comment
Red
2006 Domaine Dujac Clos de la Roche France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos de la Roche Grand Cru
93 points
Tasting at the domaine. Il più stratificato, complesso e floreale tra tutti gli assaggi.
Finale amaro struggente di rara persistenza. Ancora lontano dal suo picco.
Attendere almeno 5 anni. 93-95
Red
1998 Domaine Dujac Echezeaux France, Burgundy, Côte de Nuits, Echezeaux Grand Cru
90 points
Tasting at the domaine. Terziarizzazione avanzata, cupo, velato e non molto fresco. Funghi, sottobosco e china si stanno impossessando piano piano del frutto.
Credo che sia vicino alla parabola discendente. Da bere ora senza attendere oltre.
Mi ha un pochino deluso.
Red
1996 Domaine Dujac Clos de la Roche France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos de la Roche Grand Cru
97 points
Tasting at the domaine. Maturo, adulto, nel pieno delle sue forze e della consapevolezza di essere una star.
Rafano, ferro e salsa di soia, cola e radici. Poi la parte caramellata candita. Un naso da starci ore....
In bocca l' equilibrio tra le parti è incredibile, tanti profumi, fiori e spezie dei raspi che si impossessano del corpo e lo rendono molto fluido e scorrevole.
L' acidità tagliente dell' annata si è finalmente ammorbidita, ma è ancora molto pregnante, sembra una spugna che avvolge le guance.
Finale vibrante effervescente infinito, ma delicato.
Scende senza peso formando una scia di mineralità amara che solo il Clos de la Roche porta con sé, lasciando un segno indelebile nella memoria e nel cuore.
Vino immenso, da pelle d' oca.
1 person found this helpful Comment

Flight 7 - DUBAND (12 notes)

Grande talento e persona elegante e di classe. Enorme salto di qualità tra i villages e i 1er cru, che sono vini ben fatti, ma mancano di magia.
Alcuni Grand Cru invece sono vini davvero con una marcia in più, giocati sulla sottrazione della materia per lasciare spazio all' ariosità e alla complessità degli aromi e alla mineralità.
Bella sorpresa

Red
2013 David Duband Bourgogne Hautes-Côtes de Nuits France, Burgundy, Bourgogne Hautes-Côtes de Nuits
83 points
Tasting at the domaine. Molto aperto, genuino e sbarazzino. Un vino fragolino. Tanta vegetalità della vendemmia a grappolo intero.
La bocca invece ti spiazza per quanto sia indietro. Amaro, tannico e verdissimo, ancora tanto legno a ingolfare il sorso.
Da attendere diversi anni.
Red
2013 David Duband Chambolle-Musigny France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny
85 points
Tasting at the domaine. Profilo simile all Hautes Cotes de Nuits, che descrive un vino ancora sgraziato e da amalgamare. In questo caso, la materia fenolica e il corpo sono maggiori e riescono in parte a mascherare il legno, il tannino e la parte verde.
Come l' Hautes Cotes de Nuits, è da attendere diversi anni.
Red
2013 David Duband Gevrey-Chambertin France, Burgundy, Côte de Nuits, Gevrey-Chambertin
85 points
Tasting at the domaine. Da parcelle nel comune di Brochon.
Più scuro e mascolino rispetto allo Chambolle, ma ugualmente compresso.
Tanto tannino e tanto legno. Da attendere.
Red
2013 David Duband Nuits St. Georges France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges
87 points
Tasting at the domaine. Stranamente a Nuits troviamo il village più elegante, meno indietro e con una bella mineralità.
Bevuta piacevole
Red
2013 David Duband Morey St. Denis 1er Cru Clos Sorbé France, Burgundy, Côte de Nuits, Morey St. Denis 1er Cru
87 points
Tasting at the domaine. Vino morbido e boisé, ma con una controparte sauvage e di spezie pungenti in grado di bilanciare i toni più dolci.
Inizia a intravvedersi uno spiraglio della complessità dei migliori vini di Duband
Red
2013 David Duband Nuits St. Georges 1er Cru Aux Thorey France, Burgundy, Côte de Nuits, Nuits St. Georges 1er Cru
87 points
Tasting at the domaine. Stesso stile di tannino mordente, ma molto fine e grande mineralità.
Red
2013 David Duband Chambolle-Musigny 1er Cru Les Sentiers France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambolle-Musigny 1er Cru
91 points
Tasting at the domaine. Molto mascolino, ma di grande complessità e persistenza notevole. Altra marcia, un mini-grand cru.
Red
2013 David Duband Echezeaux France, Burgundy, Côte de Nuits, Echezeaux Grand Cru
93 points
Tasting at the domaine. Molto floreale, profumatissimo e femminile.
tannino gentile e un sorso senza peso.
Grande vino, piaciuto da morire
Red
2013 David Duband Charmes-Chambertin France, Burgundy, Côte de Nuits, Charmes-Chambertin Grand Cru
90 points
Tasting at the domaine. Parcella nel Mazoyeres.
Molto salino e sapido, però la struttura portante costruita su legno e tannino è ancora troppo in evidenza e copre lo sviluppo dinamico di un vino più concentrato e da attendere diversi anni.
Red
2013 David Duband Latricières-Chambertin France, Burgundy, Côte de Nuits, Latricières-Chambertin Grand Cru
92 points
Tasting at the domaine. Medio corpo, austero, fine e composto. Vigna più fresca che regala pochi profumi e dal portamento tutto in finezza. Classica mineralità calcarea del Latricieres
Red
2013 David Duband Clos de la Roche France, Burgundy, Côte de Nuits, Clos de la Roche Grand Cru
93 points
Tasting at the domaine. Il più minerale di tutti, sapido, teso, incazzato e molto indietro, ma con un profumo inebriante inconfondibilmente Clos de la Roche.
Grande vino
Red
2013 David Duband Chambertin France, Burgundy, Côte de Nuits, Chambertin Grand Cru
95 points
Tasting at the domaine. Equilibratissimo, il legno dolce è dosato a meraviglia e i raspi regalano un tocco aereo e un' esplosione di profumo quasi tossica.
E' inequivocabilmente la somma dei profumi dell Echézeaux, la mineralità del Latricieres e la materia oscura del Clos de la Roche.
Incredibile come il tannino sia più levigato e meno in evidenza...quasi che la maggior cilindrata e complessità del cru, siano in grado di fagocitare il legno nuovo per regalare un vino sorridente e quasi amichevole.
Stupendo

Flight 8 - YANN DURIEUX ( RECRUE DES SENSE) (3 notes)

Allievo di Guillot e Prieuré-Roch, geniale interprete di vini senza solforosa, non diraspati ai vertici
dell' esperienza emozionale.

White
2013 Yann Durieux Aligoté Love and Pif France, Vin de France
87 points
Tasting at the domaine. 100% inox.
Pera, lieviti e residui di gas fermentativo. In bocca è un succo di frutta aspra eche fa partire la salivazione a mille.
Tanta componente sulfurea e grande freschezza.
Vino da bere con la cannuccia, ma non per questo banale
Red
2012 Yann Durieux Bourgogne Hautes-Côtes de Nuits Les 1er Ponts France, Burgundy, Bourgogne Hautes-Côtes de Nuits
91 points
Tasting at the domaine. 12% vol. 0% diraspato. 24 mesi legno.
Tanti raspi e molto corpo, frutta scura concentrata, ma senza peso.... una nuvola che fluttua nell' aria. Lungo e puro. I raspi e la totale assenza di solforosa regalano un sorso incredibilmente gustoso, tutto succo e grande rusticità, senza mai abbandonare la pulizia e la nettezza della fattura.
Buonissimo
Red
2012 Yann Durieux Morey St. Denis France, Burgundy, Côte de Nuits, Morey St. Denis
94 points
Tasting at the domaine. 0% diraspato. 24 mesi legno nuovo.
Naso più vegetale rispetto al 1er ponts, il frutto è in secondo piano.
In bocca invece è un' esplosione di ogni tipo di frutta spremuta a mano.
Complesso, stratificato, pregnante nel gioco tra legno, frutto, raspi e mineralità sottile che regala una persistenza degna di un grand cru, senza averne il peso e la difficoltà di beva.
Vino incredibile, carissimo, ma purissimo. Grande omaggio al maestro Henri-Fréderich Roch e gemma introvabile, da bere ora, senza aspettare domani.
Unico come il genio che lo produce. Grazie Yann!!

Flight 9 - MICHEL BOUZEREAU (10 notes)

Vini aerei, sottili, fini e molto puri. Legno non pervenuto!

White
2013 Michel Bouzereau et Fils Chardonnay Bourgogne France, Burgundy, Bourgogne
90 points
Tasting at the domaine. Una parcella a Meursault e una a Puligny. 15% legno nuovo.
Sottile,ma per nulla magro, molto gustoso, spezie pungenti e una pulizia cristallina in cui il legno è inesistente, sembra fatto in ceramica.
Uno dei migliori bourgogne blanc dell' anno.
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault Les Grands Charrons France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault
88 points
Tasting at the domaine.. Vigna più fresca, con esposizione a est.
Sapido, teso, amarognolo e piuttosto vibrante, quasi effervescente.
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault Le Limozin France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault
89 points
Tasting at the domaine. Vigna esposta a sud.
Più calore, più fiori, ma in bocca è un vino di carattere, sorretto dalla spina acido-minerale e da un finale citrino vibrante che amplifica la salivazione.
Buono e longevo.
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault Les Tessons France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault
90 points
Tasting at the domaine. Vigne più vecchie.
Più rotondo, più morbido, meno crispy e più equilibrato.
Il finale citrino è molto persistente.
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault 1er Cru Blagny France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault 1er Cru
91 points
Tasting at the domaine. Vigna più alta con molta argilla.
Maggiore cilindrata, più corpo, materia e morbidezza, ma tutto molto puro, equilibratissimo e mai strillato. Legno inesistente.
Davvero gustoso ed elegante
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Puligny-Montrachet 1er Cru Les Champs-Gain France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
87 points
Tasting at the domaine. Sensazione di calore e di eccessiva gradazione alcolica. anche il legno amaro è sopra le righe rispetto agli altri esempi.
Forse in una fase ancora di assestamento....
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Puligny-Montrachet 1er Cru Le Cailleret France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
Tasting at the domaine. Molto sferico, ma anche molto acido. Sicuramente il più indietro di tutti nell' evoluzione. Difficile da giudicare al momento
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault 1er Cru Les Charmes-Dessus France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault 1er Cru
91 points
Tasting at the domaine. La parte bassa della vigna è molto ricca di calcare ed è diversa dallo Charmes.
Naso più chiuso, molto vegetale. Bocca tesa, introversa, molto vibrante.
Manca la parte carnosa e oleosa dello Charmes che ci si aspetta.
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault 1er Cru Les Genevrières France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault 1er Cru
92 points
Tasting at the domaine. Ha tutte le caratteristiche di equilibrio e complessità che rendono il Genevrières, la mia vigna di Meursault preferita.
Lemongrass e pompelmo rosa, dialogano con la parte di zucchero di canna per creare una filigrana armonica e accattivante.
Persistenza e sfaccettature già da primo della classe.
Buonissimo e purissimo
White
2013 Michel Bouzereau et Fils Meursault 1er Cru Les Perrières France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault 1er Cru
92 points
Tasting at the domaine. Tutto più ampio, gli aromi, la materia e la progressione. Finale agli agrumi molto luminoso e vibrante, ma regna un grande equilibrio tra le parti e mai nessuna prevale.
Finale lungo e accattivante.
92-93

Flight 10 - DOMAINE LEFLAIVE (12 notes)

Non ci sono aggettivi per descrivere il percorso gustativo di una delle pietre miliari dei bianchi biodinamici.
Domaine ai vertici della storia

White
2013 Domaine Leflaive Mâcon-Verzé France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon-Verzé
Barrell tasting at the domaine. Mentuccia, sottolissimo anche nel colore paglierino verdolino, sembra un vermentino.
Bocca composta e sottile, ma non magra. Tanta acidità brillante e finale più morbido da chewing-gum alla panna.
White
2013 Domaine Leflaive Puligny-Montrachet France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet
Barrell tasting at the domaine. Acidissimo e minerale, molto schiumoso e salivante.
Vino longevo, poco concessivo al momento
White
2013 Domaine Leflaive Meursault 1er Cru Sous le Dos d'Âne France, Burgundy, Côte de Beaune, Meursault 1er Cru
90 points
Barrell tasting at the domaine. Vigne di 10-20 anni. Fiori e polpa di pesca, mela renetta. Molto sottile e sussurrato, semrba un "canarino" limone e salvia.
Buono buono
White
2013 Domaine Leflaive Puligny-Montrachet 1er Cru Clavoillon France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
Barrell tasting at the domaine. Vigna profonda, ricca di ossidi di Ferro.
Indietro nell' elevage, ha ancora tracce del "collage". Minerale, mascolino e austero.
Per ora non giudicabile
White
2013 Domaine Leflaive Puligny-Montrachet 1er Cru Les Combettes France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
90 points
Barrell tasting at the domaine. Grassoccio, rotondo e voluminoso.
Molto equilibrato tra cremosità del frutto e acidità del finale.
Buono
White
2013 Domaine Leflaive Puligny-Montrachet 1er Cru Les Folatières France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
92 points
Barrell tasting at the domaine. Terra magra, cailloux e molto calcare.
Frutta giovane, erba di prato e salvia. Una marcia in più sull' espansione e complessità aromatica.
In bocca è morbido, quasi zuccherato, e molto aperto.
Piaciuto tantissimo
White
2013 Domaine Leflaive Puligny-Montrachet 1er Cru Les Pucelles France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
Barrell tasting at the domaine. Erba verde, molto succinto e poco espansivo. Molto indietro. Molta acidità e sorso incentrato più sulla finezza che sui profumi.
Un vero Pucelles da attendere diversi anni
White
2013 Domaine Leflaive Bienvenues-Bâtard-Montrachet France, Burgundy, Côte de Beaune, Bienvenues-Bâtard-Montrachet Grand Cru
Barrell tasting at the domaine. Salatissimo e acidissimo, per ora non concede nessuno spiraglio di apertura, solo una grande sensazione di purezza angelica.
White
2013 Domaine Leflaive Bâtard-Montrachet France, Burgundy, Côte de Beaune, Bâtard-Montrachet Grand Cru
93 points
Barrell tasting at the domaine. Grosso, ma non grasso. Una granita alla mela.
Al contrario del Bienvenues, questo vino è già apertissimo e solare.
Spezie secche e erba fresca, Frutta gialle a poi tutta la controparte agrumata e marina. Finale molto lungo e a fuoco. Legno inesistente.
Si preannuncia a livello dei suoi standard di eccellenza. 93-95
White
2013 Domaine Leflaive Chevalier-Montrachet France, Burgundy, Côte de Beaune, Chevalier-Montrachet Grand Cru
Barrell tasting at the domaine. Glassato, gentile e stranemente non nervoso.
Un confetto alla pera! Sul finale esce il vero Chevalier, salino ed effervescente.
Deve ancora guadagnare in volume e tridimensionalità, ma è già affilatissimo e puro.
White
2012 Domaine Leflaive Puligny-Montrachet 1er Cru Les Folatières France, Burgundy, Côte de Beaune, Puligny-Montrachet 1er Cru
91 points
Tasting at the domaine. Caramella cremosa al limone, latticino glassato, ma mai stucchevole, molto bilanciato .
In bocca è molto giovane, acidulo e citrino, quasi spumoso.
Finale composto, degno di un principe adolscente.
Da attendere almeno 5 anni.
White
2001 Domaine Leflaive Bienvenues-Bâtard-Montrachet France, Burgundy, Côte de Beaune, Bienvenues-Bâtard-Montrachet Grand Cru
95 points
Tasting at the domaine. Impiega 20 minuti ad aprirsi.... terziarizzazione mielosa quasi tostata, frutta secca e pasta di meliga.
Bocca sparata tra il dolce e l' amaro, il legno è ancora sensibile.
Finale salino finissimo, ricorda tanti piccoli cristalli luccicanti.
Persistenza imbarazzante... a livello di 5 minuti.
Un monumento dell' enologia!
1 person found this helpful Comment

Flight 11 - DOMAINE GUILLOT - DOMAINE DU VIGNES DU MAYNES (5 notes)

Vini ghiacciati, e temperature polare in cantina hanno in parte pregiudicato l' aromaticità di questi vini "old style"
Bianchi dalla lunghe macerazioni, legni vecchi e rossi non diraspati.

White
2012 Domaine Des Vignes du Maynes (Julien Guillot) Pouilly-Fuissé France, Burgundy, Mâconnais, Pouilly-Fuissé
90 points
Tasting at the domaine. Coté ossidativo, impreziosito da una nota boisé biscottata, ma molto fragrante d equilibrata. Finale molto persistente.
Piaciuto molto.
White
2013 Domaine Des Vignes du Maynes (Julien Guillot) Mâcon-Cruzille Clos des Vignes du Maynes Aragonite France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon-Cruzille
89 points
Tasting at the domaine. Grappa asciutta, molto tesa, crispy e minerale.
L' opposto del Pouilly-Fuissé, ma altrettanto a fuoco e cristallino.
Buono
Red
2012 Domaine Des Vignes du Maynes (Julien Guillot) Chénas Ultimatum Climat France, Burgundy, Beaujolais, Chénas
88 points
Tasting at the domaine. 100% Gamay. 0% diraspato.
Vinosità succosa, facile e beverina. Molta presenza dei raspi. Finale più dolciastro e candito.
Buono
Red
2013 Domaine Des Vignes du Maynes (Julien Guillot) Mâcon-Cruzille Clos des Vignes du Maynes Manganite France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon-Cruzille
91 points
Tasting at the domaine. 100% Gamay. Vigne del 1953.
Un succo di uva passa, sembra un confit, ma sul finale ti investe il tannino dei raspi e la mineralità granitica.
Finale floreale e sensuale. Davvero buono
Red
2013 Domaine Des Vignes du Maynes (Julien Guillot) Bourgogne Cuvée Auguste France, Burgundy, Bourgogne
90 points
Tasting at the domaine. 100% Pinot Noir.
Spezie dolci, molto sottili e quasi candite.
tanta materia e maturità fenolica, nonostante il corpo lieve.
Molto tannino fitto e graffiante.
Buono e longevo. Da attendere

Flight 12 - OLIVIER MERLIN (10 notes)

Batteria pressoché infinita, ce n' è per tutti i gusti! Impronta territoriale associata alla tecnologia mai invasiva. Non mancano le punte de' eccellenza che non fanno rimpiangere la Cote d' Or.
Si conferma uno dei produttori più solidi del Maconnais

White
2013 Olivier Merlin Mâcon La Roche-Vineuse Blanc France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon La Roche-Vineuse
83 points
Tasting at the domaine. 100% inox
Amaro, molto semplice e poco complesso. Ancora sterilizzato dall' eccessiva solforosa
White
2013 Olivier Merlin Saint Véran France, Burgundy, Mâconnais, Saint Véran
87 points
Tasting at the domaine. Molto più caolroso rispetto al Macon. Frutta bianca polposa, lieviti e pasticceria.
Legno sensibile e finale persistente ed equilibrato.
White
2012 Olivier Merlin Saint Véran Le Grand Bussière France, Burgundy, Mâconnais, Saint Véran
Tasting at the domaine. 18 mesi legno.
Molto dolce e boisé, ma non fastidioso.
Vanigliato e quasi glassato
White
2012 Olivier Merlin Mâcon La Roche-Vineuse Les Cras France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon La Roche-Vineuse
90 points
Tasting at the domaine. Il legno è sempre sensibile, ma questa volta è molto bilanciato dalla controparte vegetale. Ampio, elegante e strutturato.
Dolcezza vanigliata soffusa e finale molto lungo.
Buono
White
2012 Olivier Merlin Pouilly-Fuissé France, Burgundy, Mâconnais, Pouilly-Fuissé
87 points
Tasting at the domaine. Molto floreale e aromatico. Si avverte meno il legno rispetto a Les Cras, ma è meno complesso.
Finale più amaro, tronco e un pò grossolano
White
2011 Olivier Merlin Mâcon La Roche-Vineuse Vieilles Vignes France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon La Roche-Vineuse
86 points
Tasting at the domaine. Blend di 5 parcelle. 12 mesi legno.
Lievituso, zucchero filato, molto aperto, sembra un risotto allo zafferano.
Precoce, boisé e poco complesso. Manca tutta la parte di nervatura acido-minerale.
Red
2012 Olivier Merlin Bourgogne France, Burgundy, Bourgogne
87 points
Tasting at the domaine. Molto frutto dolce, quasi sciroppato, ma equilibrato all' acidità spinta e al tannino verdino. Legno sensibile che infonde un senso dry. Vino facile ed equilibrato.
Red
2013 Olivier Merlin Mâcon La Roche-Vineuse France, Burgundy, Mâconnais, Mâcon La Roche-Vineuse
91 points
Tasting at the domaine. Naso pornografico. C' è qualsiasi tipo di fiore, frutto e sensualità si possa desiderare. Bocca acida, tesa e materica. Molto netta, legno inesistente e tannino sottile, ma persistente.
Promette scintille. Buonissimo
Red
2011 Olivier Merlin Bourgogne Les Cras France, Burgundy, Bourgogne
92 points
Tasting at the domaine. Naso glassato, frutta rossa cristallina laccata. Bellissimo e profumatissimo. Bocca ampia e glicerica, ma scende senza peso, sembra un vino fatto di aria. Spezia da raspi e tannino molto fitto, grande acidità che aumenta la salivazione.
La grande marcia in più rispetto agli altri vini è la mineralità, che crea questa scia persistente e pulisce la bocca.
Buonissimo e longevo.
Red
2011 Olivier Merlin Moulin-à-Vent La Rochelle France, Burgundy, Beaujolais, Moulin-à-Vent
90 points
Tasting at the domaine. Vigne vecchie. 0% dirsapato.
Grand Cru concentratissimo e masticabile: una spremuta di ribes. In bocca colpiscono l' enorme maturità fenolica e il volume. Tanto tannino ancora invasivo che pregiudica la distensione.
Vino compresso al momento: da attendere almeno 7-8 anni. Uno spreco ora.
90-92
© 2003-22 CellarTracker! LLC.

Report a Problem

Close